Prenotazioni, tesseramento e contributo di partecipazione

Hits: 1214

Prenotare le escursioni giornaliere contattando l’accompagnatore il cui contatto telefonico è indicato su ogni proposta almeno 3 giorni prima del giorno dell’escursione (prima se si deve fare la tessera).
Per consentire di svolgere le escursioni in sicurezza, nel rispetto di chi accompagna e di chi cammina con noi, il numero massimo dei partecipanti è limitato.
mini

Per partecipare alle escursioni èobbligatoria la tessera Federtrek e firmato il modulo per il consenso alla privacy.
SI CONSIGLIA VIVAMENTE DI TESSERARSI ALMENO 5 GIORNI PRIMA DELL’USCITA.
La tessera costa 15 euro, ha la durata di un anno dall’emissione e consente di partecipare a tutte le attività di Sentiero Verde e delle altre associazioni affiliate con Federtrek. La tesserà sarà fornita solo in formato digitale stampabile

Come Tesserarsi:

  • Effettuare un bonifico di 15 euro, IBAN IT86W0100503253000000001965 intestato a Associazione Sentiero Verde APS,
    indicare nella causale bonifico “TESSERA FEDERTREK PER (NOME E COGNOME)”.
    SE IL BONIFICO E’ PER PIU’ PERSONE, INDICARE TUTTI I NOMI E COGNOMI. SE IL BONIFICO E’ ANCHE PER UN MINORE INDICARE TRA PARENTESI JUNIOR. PER  I MINORI IL COSTO DELLA TESSERA E’ DI 5 EURO 
  • Scaricare i moduli di iscrizione (pag.1) e per il consenso alla privacy (pag.2) dal link:
    https://www.sentieroverde.org/wordpress/wp-content/uploads/2021/02/Iscrizione_SV_4_2021.pdf
  • STAMPARE E COMPILARE IN OGNI LORO PARTE I MODULI DI ISCRIZIONE E DELLA PRIVACY, CON LA DATA, CON CARATTERI MAIUSCOLI BEN LEGGIBI E FIRMARLI.
  • ATTENZIONE: DEVONO ESSERE BARRATE LE DUE CASELLE CON IL SI DEL MODULO PRIVACY, ALTRIMENTI NON È POSSIBILE EMETTERE LA TESSERA.
  • INVIARE: COPIA DEL MODULO DI ISCRIZIONE , COPIA DEL MODULO DELLA PRIVACY COMPILATI E FIRMATI (UNITI O SEPARATI) E L‘ATTESTAZIONE DEL BONIFICO A: tesseramento@sentieroverde.org
  • La tesserà sarà fornita solo in formato digitale stampabile. E’ valida la copia sullo smartphone o cartacea
  • In caso di dubbi chiedere al 3774294453 (segreteria), o telefonare ad uno dei numeri indicati per le prenotazioni

L’iscrizione all’associazione per tutte le attività costa 15 euro comprende la tessera Federtrek e l’assicurazione per gli infortuni. Per i ragazzi fino ai 17 anni il costo della tessera è di 5 euro

Il contributo di partecipazione dal 1 Gennaio 2021 è di 10 Euro, i minori accompagnati non pagano quota gita.

Si può pagare all’accompagnatore durante l’escursione, avendo cura di usare il denaro contato. Fino ai 17 anni (accompagnati dai genitori) le attività sono gratuite

Pubblicato il: 1 Giu 2020 alle 20:04
Revisione: 23 Feb 2021
Ultima Revisione: 5 Nov 2021

Exp 31/12/2021 3:36pm
———————————————————————

Domenica 5 dicembre 2021 – Il Sentiero dei Partigiani

Hits: 83

lucretiliHolistic Walking – Il Sentiero dei Partigiani sui Monti Lucretili

Questa domenica ci accoglieranno i boschi ed i prati dei Monti Lucretili, a due passi da Roma; percorreremo il Sentiero dei Partigiani arrivando a Fonte Campitello, per poi proseguire verso la cima del Monte Guardia a 1185 metri di altezza. Praticheremo durante la giornata esercizi statici ed in movimento, ascolto, armonizzazione e riequilibrio.

Livello di difficoltà: E Lunghezza percorso: 12 Km. a/r Dislivello 500 mt. Durata: 7 ore soste incluse

Appuntamento ore 9 Marcellina presso la miniera d’oro Via San Polo dei Cavalieri 41

Prenotazione obbligatoria fornendo nome cognome e numero di tessera: AEV Patrizia Motta cellulare: 3357514958 AEV Isabella Iarusso cellulare: 3396165342

locandina con informazioni

Pubblicato il: 1 Dic 2021 alle 10:01

Exp 5/12/2021 9:54am
———————————————————————

Domenica 5 dicembre 2021 – Festa dell’Olio Nuovo

Hits: 75

necropoli cerveteriFesta dell’Olio Nuovo a   Cerveteri
Escursione in territorio cerite
Con la collaborazione del G.A.R.

Nell’ambito della 12^ edizione della Festa dell’Olio Nuovo a Cerveteri, Sentiero Verde e Ogniquota, associazioni aderenti alla Federtrek e con il Patrocinio di questa, organizzano un’escursione in territorio cerite nell’area della Necropoli della Banditaccia percorrendo “I Sentieri degli Etruschi”, ripuliti, recuperati e valorizzati dai volontari delle associazioni del territorio, come il GAR e Ogniquota. Al termine, visita agli stand degli espositori e dei produttori in piazza.

Iniziativa gratuita. Pranzo al Sacco. Prenotazione obbligatoria entro le ore 16,00 di venerdì 3 dicembre.

Appuntamento: ore 9,00 a Cerveteri in Piazza Santa Maria davanti al Museo Nazionale Cerite

Informazioni e prenotazioni: Stefano Belmonti – AEV – 366.3786233 Antonio Doddi – AEV – 389.2816120 Daniela Lautizi – AEV – 347.2684824 Maurizio Innocenzi – AEV – 338.6912097

locandina con informazioni

Pubblicato il: 25 Nov 2021 alle 16:48

Exp 5/12/2021 4:26pm
———————————————————————

Domenica 5 dicembre 2021 – La Via Delle Creste

Hits: 74

cartelliMonti Prenestini – Capranica Prenestina
La Via Delle Creste – Monte Calo

Partendo da Capranica Prenestina percorreremo un suggestivo sentiero di crinale fino a raggiungere la cima di Monte Calo (1148 m. slm). Uno dei territori più ricchi di biodiversità dei Monti Prenestini!!!! Percorreremo la via delle creste, l’antico cammino che già nell’antichità conduceva a Guadagnolo, passeremo accanto al sito dove sorgeva l’antica Capranica, cammineremo tra le rocce, attraverseremo pascoli, pinete, tratti di bosco, un minuscolo laghetto con le mandrie al pascolo brado…. e spazi aperti su panorami che ci lasceranno senza fiato …

DIFFICOLTA’ : E DISL: 430m LUNGHEZZA : ca 10km

APPUNTAMENTO: ore 9,00 Piazza Pietro Baccelli CAPRANICA PRENESTINA- auto propria

INFO E PRENOTAZIONI prenotazione obbligatoria fornendo nome cognome e numero di tessera:AEV Rita Bucchi 3391074453 – AEV Gabriele Lamorgese 3292050056

locandina con informazioni

Pubblicato il: 25 Nov 2021 alle 16:58

Exp 5/12/2021 4:50pm
———————————————————————

Domenica 5 dicembre 2021 – Monti Sabini

Hits: 142

panorama tancia Monte Tancia e Monte Pizzuto

Dopo un breve tratto su strada bianca prenderemo un sentiero che ci porterà, con una salita a tratti ripida, al Colle Sterparo. Da qui inizieremo un percorso di cresta su terreno sassoso, fermandoci nei punti più panoramici per ammirare le cime più alte dell’Appennino fino alle vette dei Sibillini. Arrivati sulla Cima del Tancia prenderemo un canalone in discesa ripida circondati dai colori autunnali del bosco fino a giungere nella Valle Gemini dove si apre in un magnifico pianoro a quota 1075 mt…

Difficoltà’ E, Dislivello 800 m (600 m fino a Valle Gemini), Lunghezza 14 Km (11 km fino a Valle Gemini)

APPUNTAMENTO: ore 8:30 al parcheggio dell’osteria del Tancia

INFO E PRENOTAZIONI: AEV Paolo Iacarella 328 9247126, AEV Giovanni Moriondo 349 7587944, giovanni.moriondo@gmail.com

locandina con informazioni

Pubblicato il: 15 Nov 2021 alle 17:48
Aggiornamento del 27 Nov 2021

Exp 5/12/2021 5:35pm
———————————————————————

Dal 10 al 24 dicembre 2021 – Appuntamento con Medici Senza Frontiere

Hits: 4

banner MSFAppuntamento con Medici Senza Frontiere a “La mia libreria”

Ciao amici,
dal 10 al 24 dicembre p.v. veniteci a trovare a “La mia libreria” in Via Roberto Malatesta 85 ( a pochi metri dalla fermata Malatesta della Metro C e comunque ben collegata anche con autobus e tram ). Saremo lì a fare i pacchetti regalo per voi: libri per adulti e ragazzi, giochi per i più piccini, articoli di cartoleria, ecc.

Vi aspettiamo!!!!

I volontari di Roma di Medici senza Frontiere

Pubblicato il: 1 Dic 2021 alle 15:44

Exp 24/12/2021 10:58pm
———————————————————————

Domenica 12 dicembre 2021 – Il Natale a Greccio

Hits: 105

greccioDai Presepi di Greccio alla Cappelletta nel foliage autunnale

Escursione storico naturalistica sul sentiero di San Francesco. Partenza alle 9:00 da Greccio, si parcheggia proprio sotto la strada che conduce all’ingresso del sentiero. Si prende il sentiero CAI con salita nel bosco che si fa subito decisa e si arriva al Fontanile e attraverso una sterrata fino a Monte delle Croci e a seguire la Cappelletta, un rifugio tenuto benissimo, dove faremo una sosta ritemprante. Attraverseremo il bosco con tutti i suoi colori del foliage autunnale,  …

ORA E LUOGO DELL’APPUNTAMENTO: ore 9.00 parcheggio libero di Greccio, via delle Rimembranze, e incontro di fronte al bar nella adiacente Piazza Roma. Si raccomanda cortesemente la puntualità.

Dati tecnici : difficoltà E ; lunghezza km 12 circa ; dislivello in salita 550 m; durata 6 ore

Informazioni e prenotazioni: AEV Antonio Cricenti 3273054730, AAEV Andrea Di Clemente 3929199147, AEV Stefano Carucci 3332572197, AEV Dario Valori 335223014

locandina con informazioni

Pubblicato il: 12 Nov 2021 alle 17:00

Exp 12/12/2021 5:08pm
———————————————————————

Sabato 18 dicembre 2021 – La Via Francigena Meridionale

Hits: 31

terracinaSesta tappa del tratto laziale della via Francigena meridionale: da Priverno a Terracina

Roma non era la sola meta di chi, provenendo da tutta Europa, percorreva la Via Francigena… proseguendo verso sud, attraverso percorsi in parte terrestri e in parte marittimi, i pellegrini potevano raggiungere la Terra Santa. Noi percorreremo questa tappa al contrario da Terracina a Priverno. In questo modo avremo la possibilità di fare colazione e visitare parte della bella cittadina partendo dalla zona mare. Quindi prendendo la via Appia ci raccorderemo sul percorso della Francigena…

Dati tecnici: difficoltà E ; lunghezza km 20 circa; dislivello pressochè nullo

Punto di ritrovo: Stazione ferroviaria di Monte San Biagio ore 8,45 davanti all’ingresso principale. Si consiglia il treno delle 7.36 da Roma Termini con arrivo a Monte San Biagio alle 8.46 ( costo del biglietto 6,20 €). Il ritorno dovrebbe avvenire con il treno delle 17.08 o delle 17.19, con arrivo a Roma Termini per le 18-18.30.

Informazioni e prenotazioni: AEV Roberto Mancardi 3771151795 AEV Nando La Deda 3491994932

locandina con informazioni

Pubblicato il: 25 Nov 2021 alle 17:07

Exp 18/12/2021 5:00pm
———————————————————————

I consigli di Trekking.it – Trekking e preparazione fisica

Hits: 572

sfinitoGuida al trekking: Trekking e preparazione fisica
(dalla rivista: Trekking&Outdoor)

La rivista Trekking&Outdoor è una delle collaborazioni pricipali della Federtrek. Tra le rubriche della rivista, i consigli.
Questa settimana parliamo di: Trekking e preparazione fisica

Riscaldamento e defaticamento sono le fasi dell’attività sportiva che tutti i manuali e i preparatori atletici raccomandano… e che gran parte dei praticanti di qualsiasi sport evitano di fare!

La camminata è già di per sé un riscaldamento, anzi, è la base del riscaldamento e del defaticamento consigliata per qualsiasi sport!
Vero, ma leggendo bene i manuali, scoprirete che la camminata di cui parlano non prevede il trasporto di uno zaino e neppure un “pronti, via!” su sentiero in salita.Se vogliamo praticare il trekking in maniera atleticamente corretta dobbiamo anche noi accettare di sottoporci alla fase di riscaldamento e defaticamento.
Si tratta di una decina di minuti prima e dopo la camminata, un paio di ritagli di tempo ben speso, se si pensa che i risultati sono un minore affaticamento durante l’escursione, minor rischio di traumi e niente crampi e gambe di legno nei giorni successivi.

IL RISCALDAMENTO PRIMA DELL’ESCURSIONE

Al punto di partenza delle camminate di solito ci si arriva dopo un lungo tragitto in auto o sui mezzi pubblici. Si tratta comunque di un periodo di tempo nel quale il nostro corpo è rimasto sostanzialmente inattivo, magari costretto a stare fermo in una stessa posizione.
Queste sono le condizioni in cui il metabolismo si mette in modalità “risparmio energetico”: il battito cardiaco rallenta, la temperatura delle zone periferiche (gambe e braccia) diminuisce e così anche l’afflusso di sangue verso i muscoli e le articolazioni.
Per richiedere ai nostri muscoli una prestazione elevata dobbiamo fare in modo che possano attingere a una quantità sufficiente di sangue e ossigeno. Prima di sottoporre le nostre articolazioni e i tendini a carichi, trazioni e piegamenti dobbiamo riscaldarle e renderle “fluide” e flessibili.
Un primo, fondamentale, accorgimento è quello di iniziare la camminata con un ritmo blando, per dare il tempo al nostro corpo di adeguarsi alle nuove richieste.
Questo però non è sempre possibile: ci sono sentieri che partono subito con salite ripide, dove la prestazione muscolare richiesta è inevitabilmente elevata, e altri con discese sdrucciolevli o terreno particolarmente sconnesso dove sono le articolazioni ad essere messe subito alla prova. Anche la temperatura ambientale può giocare a nostro sfavore: un clima molto rigido non favorisce il riscaldamento muscolare.

Piedi e caviglie – Prima di infilare gli scarponi muoviamo le dita dei piedi, qualche breve massaggio è utile, oltre che per riscaldarli, anche per verificare che le calze siano ben posizionate per prevenire la formazione di vesciche durante il cammino.
Importante è anche il riscaldamento delle articolazioni delle caviglie, che si può ottenere semplicemente sollevando il piede da terra e facendolo ruotare in senso orario e antiorario.
Polpacci – A questo punto possiamo cominciare a riscaldare i polpacci, eseguendo, da prima, dei sollevamenti sulla punta dei piedi.
A questo esercizio possiamo farne seguire uno finalizzato all’allungamento, portando una gamba all’indietro e andando in avanti con il busto, sino a quando non cominciamo a sentire il muscolo del polpaccio che comincia a tirare.
La posizione va mantenuta per non più di 20/30 secondi, ripetendo due o tre volte l’esercizio, assolutamente senza forzare la posizione (regola valida anche per tutti gli altri esercizi di allungamento che seguiranno).
Ginocchia – pieghiamo leggermente le gambe, appoggiamo le mani sulle ginocchia stesse e con movimenti rotatori dall’interno verso l’esterno e viceversa.
Quadricipiti – Per il riscaldamento dei quadricipiti (i muscoli delle cosce) ci posizioniamo in piedi accanto a un oggetto al quale sia possibile appoggiarci con una mano (può essere l’auto, oppure un albero).
Solleviamo una gamba afferrando la caviglia con una mano e la pieghiamo all’indietro fino a quando non cominciamo a sentire la tensione del muscolo. Nell’eseguire l’esercizio dobbiamo avere l’accortezza di mantenere una postura eretta e di evitare oscillazioni laterali del busto.
Bicipiti femorali – Per cominciare a mettere in movimento i bicipiti femorali ci posizioniamo in piedi con le gambe dritte e ginocchia unite, quindi pieghiamo il busto in avanti con le braccia a penzoloni, lasciando che sia il nostro stesso peso a stimolare l’allungamento.
In questo esercizio, come in tutti gli altri di allungamento è essenziale evitare oscillazioni o movimenti bruschi, ai quali il muscolo può reagire con un effetto di contrazione, esattamente contrario a quello che vogliamo ottenere.
Collo e spalle – Passando alla parte superiore del corpo, possiamo riscaldare le spalle compiendo delle semplici circonduzioni delle braccia. Con movimenti lenti e delicati andiamo poi ad eseguire delle rotazioni e piegamenti del capo che favoriscono la distensione dei muscoli del collo.
Per completare tutta questa fase di riscaldamento sono sufficienti 10/15 minuti e vedrete che sarà davvero tempo ben speso.

Se non siete troppo impazienti di cominciare a camminare e, soprattutto, se la giornata è molto fredda, potete rifinire il riscaldamento attivando la muscolatura delle gambe con un movimento più attivo come la corsa sul posto a ginocchia alte e corsa calciata all’indietro. Abbiate cura di eseguire questi esercizi con un ritmo molto lento, rallentando o fermandovi non appena si avverte la sensazione di affaticamento muscolare o un eccessivo aumento del ritmo della respirazione (insomma, non fatevi venire il fiatone già prima di partire!).

FINE DELL’ESCURSIONE E DEFATICAMENTO

Tutti noi amiamo camminare e vorremmo starcene sette giorni su sette in giro per sentieri.
Però è anche vero che a tutti è capitato di effettuare escursioni alla fine delle quali non se ne può proprio più: i piedi sono doloranti, i muscoli delle gambe “acciaiati”, le spalle gridano vendetta e non si vede l’ora di arrivare, buttare lo zaino a terra, togliersi gli scarponi e appoggiare il sedere da qualche parte!
Con queste sensazioni e questi pensieri in testa, spesso, nelle fasi conclusive di una lunga escursione, si ha solo fetta di arrivare e il ritmo della camminata, involontariamente, tende ad aumentare.
Se poi, una volta giunti a destinazione, mettiamo in atto i nostri propositi e ci lasciamo cadere sulla prima panca che troviamo, i muscoli “surriscaldati” tendono a rimanere contratti e ben inzuppati di acido lattico, le articolazioni affaticate e compresse dalla lunga sollecitazione.
Un disastro, con connessi probabili crampi vari, irrigidimenti e indolenzimenti almeno per le 48 ore successive…

Il defaticamento – Serve a evitare, o quanto meno a limitare ampiamente, tutto questo!

Rallentare il ritmo. Si comincia questa fase già 10/15 minuti prima della fine dell’escursione, cercando di imporsi una diminuzione del ritmo della camminata (anche quando non ne potete proprio più!).

Allungamento, almeno dei muscoli più grandi! Una volta giunti a destinazione, invece che ficcarvi subito in macchina per arrivare in picchiata verso birra e panino, dedicate altri 10 minuti a esercizi di allungamento muscolare. Potete tranquillamente riprendere quelli eseguiti durante la fase di riscaldamento. Visto che ora i muscoli sono ben caldi potete anche forzare un po’ di più l’allungamento (sempre evitando di arrivare al dolore, che è sempre segnale di un movimento errato) e mantenere più a lungo le posizioni.

Se proprio dovete correre verso la birra e non ve la sentite di compiere un ciclo completo di esercizi dalla punta dell’alluce fino al collo, focalizzatevi almeno su quelli che coinvolgono i muscoli più grandi: quindi gamba indietro e busto in avanti per allungare i polpacci, gamba piegata all’indietro per la distensione dei quadricipiti e gambe dritte con busto piegato in avanti per i bicipiti femorali.
Quando eseguite l’ultimo degli esercizi citati concentratevi sul rilassamento di tutta la parte superiore del corpo (braccia e testa a penzoloni), in questo modo favorirete anche la decontrazione del collo, delle spalle e la decompressione delle vertebre.

OK, adesso via, verso il panino e la birra: quella piccola (una sola e artigianale!) è ottima per reintegrare i sali minerali persi durante la camminata!

Buon Cammino!

l’articolo

la rivista

Articoli precedenti:

  • App per il trekking
  • Bivacco all’aperto
  • Escursionismo in sicurezza
  • Morso di vipera
  • 9 consigli per principianti
  • Bambini nella natura
  • Camminare nei boschi
  • Camminare sui terreni difficili

I prossimi:

      • Consigli per il trekking: 6 errori da evitare
      • Camminare senza lasciare tracce
      • Trekking con i cani
      • 7 consigli per il viaggiatore lento …
      • Camminare con la pioggia
      • In cammino: come preparare uno zaino leggero
      • ???
Prima pubblicazione: 9 Lug 2021 alle 17:15
Aggiornamento 9 Nov 2021

Exp 15/12/2021 4:46pm
———————————————————————

I corsi di Sentiero Verde

Hits: 505

mini
Corso di Escursionismo e per diventare Accompagnatore 

Il Corso è riservato ai soci Federtrek con tessera valida

Puoi già chiedere informazioni o prenotare senza impegno

Cinque fine settimana full immersion per apprendere a organizzare in sicurezza escursioni e trekking, con la possibilità di partecipare all’esame per ottenere la qualifica nazionale di AEV (Accompagnatore Escursionistico Volontario) Federtrek.

  • 5 week end
  • i docenti sono Accompagnatori Escursionistici Volontari Federtrek con notevole esperienza o Professionisti specializzati
  • previste verifiche pratiche
  • test facoltativo a risposta multipla
  • a chi supera il test sarà rilasciato un Attestato valido per iscriversi al modulo conclusivo organizzato da FederTrek per diventare Accompagnatore Escursionistico Volontario (AEV)

informazioni

Pubblicato il: 19 Set 2016 alle 20:50
Aggiornamento: 10 Lug 2021

Exp 27/02/2027 7:44am
———————————————————————

Norme anti covid per i partecipanti alle escursioni

Hits: 1601

logo

Ti ricordiamo che se vuoi partecipare alle escursioni, dichiari sotto la tua responsabilità di:

  • non essere affetto da COVID-19 o non essere sottoposto a periodo di quarantena obbligatoria;
  • non essere affetto attualmente da patologia febbrile con temperatura superiore a 37,5° C;
  • non accusare al momento tosse insistente, difficoltà respiratoria, raffreddore, mal di gola, cefalea, forte astenia (stanchezza), diminuzione o perdita di olfatto/gusto, diarrea;
  • non aver avuto contatti stretti con persona affetta da COVID-19 nelle 48 ore precedenti la comparsa dei sintomi;
  • non aver avuto contatti stretti con una persona affetta da COVID-19 negli ultimi 14 giorni.
Pubblicato il: 3 Dic 2020 alle 18:14

Exp 25/12/2021 1:11am
———————————————————————