Prenotazioni, tesseramento e contributo di partecipazione

Hits: 851

Prenotare le escursioni giornaliere contattando l’accompagnatore il cui contatto telefonico è indicato su ogni propostaalmeno 3 giorni prima del giorno dell’escursione (prima se si deve fare la tessera).
Per consentire di svolgere le escursioni in sicurezza, nel rispetto di chi accompagna e di chi cammina con noi, il numero massimo dei partecipanti è limitato.
mini

Per partecipare alle escursioni èobbligatoria la tessera Federtrek e firmato il modulo per il consenso alla privacy.
SI CONSIGLIA VIVAMENTE DI TESSERARSI ALMENO 5 GIORNI PRIMA DELL’USCITA.
La tessera costa 15 euro, ha la durata di un anno dall’emissione e consente di partecipare a tutte le attività di Sentiero Verde e delle altre associazioni affiliate con Federtrek. La tesserà sarà fornita solo in formato digitale stampabile

Come Tesserarsi:

  • Effettuare un bonifico di 15 euro, IBAN IT86W0100503253000000001965 intestato a Associazione Sentiero Verde APS,
    indicare nella causale bonifico “TESSERA FEDERTREK PER (NOME E COGNOME)”.
    SE IL BONIFICO E’ PER PIU’ PERSONE, INDICARE TUTTI I NOMI E COGNOMI. SE IL BONIFICO E’ ANCHE PER UN MINORE INDICARE TRA PARENTESI JUNIOR. PER  I MINORI IL COSTO DELLA TESSERA E’ DI 5 EURO 
  • Scaricare i moduli di iscrizione (pag.1) e per il consenso alla privacy (pag.2) dal link:
    https://www.sentieroverde.org/wordpress/wp-content/uploads/2021/02/Iscrizione_SV_4_2021.pdf
  • STAMPARE E COMPILARE IN OGNI LORO PARTE I MODULI DI ISCRIZIONE E DELLA PRIVACY, CON LA DATA, CON CARATTERI MAIUSCOLI BEN LEGGIBI E FIRMARLI 
  • INVIARE: COPIA DEL MODULO DI ISCRIZIONE , COPIA DEL MODULO DELLA PRIVACY COMPILATI E FIRMATI (UNITI O SEPARATI) E L‘ATTESTAZIONE DEL BONIFICO A: tesseramento@sentieroverde.org
  • La tesserà sarà fornita solo in formato digitale stampabile. E’ valida la copia sullo smartphone o cartacea
  • In caso di dubbi chiedere al 3774294453 (segreteria), o telefonare ad uno dei numeri indicati per le prenotazioni

L’iscrizione all’associazione per tutte le attività costa 15 euro comprende la tessera Federtrek e l’assicurazione per gli infortuni. Per i ragazzi fino ai 17 anni il costo della tessera è di 5 euro

Il contributo di partecipazione dal 1 Gennaio 2021 è di 10 Euro, i minori accompagnati non pagano quota gita.

Si può pagare all’accompagnatore durante l’escursione, avendo cura di usare il denaro contato. Fino ai 17 anni (accompagnati dai genitori) le attività sono gratuite

Pubblicato il: 1 Giu 2020 alle 20:04
Revisione: 23 Feb 2021
Ultima Revisione: 3 Set 2021

Exp 31/12/2021 3:36pm
———————————————————————

Domenica 26 Settembre – Torrente Biedano

Hits: 186

torrente biedanoEscursione nelle Gole del Biedano

Il torrente Biedano ha scavato per decine di migliaia di anni delle spettacolari gole tra pareti di tufo, creando una forra selvaggia. Gli etruschi utilizavano questo canyon come strada di collegamento tra due delizioni borghi, Barbarano Romano e Blera. I romani lo strasformarono in una vera e propria via, la via Clodia. Ripercorreremo uno dei tratti più belli di questo antico tracciato, in una vegetazione rigogliosa, tra antiche mole, ponti, cascate, laghetti e grotte misteriose!

Escursione di interesse naturalistico-ambientale. Lunghezza del percorso (ad anello): 12 Km. circa. Durata dell’escursione: tutta la giornata con pranzo al sacco. Dislivello in salita: circa 400 mt. Difficoltà: E

Appuntamento: ore 9:00: Parcheggio antistante la Chiesa di Santa Maria del Piano sulla SP 42 (coordinate Google Maps: N 42.247320040895886; E 12.068847381507243). Spostamento con mezzi propri.

INFO E PRENOTAZIONI: prenotazione obbligatoria entro le ore 16:30 di sabato 25 settembre 2021: AEV Giovanni De Paola cell. 3713746871 – mail escursionidigio@gmail.com; AEV Gabriele Lamorgese: tel. 3292050056

locandina con informazioni

Pubblicato il: 5 Set 2021 alle 20:05

Exp 26/09/2021 7:55pm
———————————————————————

Domenica 26 settembre – Riserva Naturale Regionale Nazzano Tevere-Farfa

Hits: 90

tevereRiserva Nazzano Tevere-Farfa, passando per Nazzano e Torrita Tiberina

U na escursione ad anello nella prima Riserva Naturale istituita dalla Regione Lazio nel 1979. Il regno dell’acqua, creato dall’acqua lungo il fiume Tevere nel punto in cui si incontra con il Farfa. Per una volta alla costruzione di una diga si deve questo paradiso acquatico di rara bellezza abitato da aironi, folaghe, gallinelle d’acqua, nibbio bruno, falco pellegrino e tanti altri uccelli visibili dalle postazioni di bird whatching o dalle torrette di avvistamento. Non è da meno la flora ripariale e di palude. In un percorso ad anello dopo aver costeggiato la riva raggiungeremo anche i borghi di Nazzano e Torrita Tiberina da cui godremo di un panorama memorabile .

DIFFICOLTA’ : E DISL: 250m LUNGHEZZA : ca 16km

APPUNTAMENTO: ore 9,00 al parcheggio Riserva Naturale Nazzano in via G.Matteotti MEANA RM- auto propria

INFO E PRENOTAZIONI prenotazione obbligatoria almeno tre giorni prima fornendo nome cognome e numero di tessera: AEV Rita Bucchi 3391074453 – AV Maria Asole 3294721065

locandina con informazioni

Pubblicato il: 13 Set 2021 alle 19:34

Exp 26/09/2021 7:18pm
———————————————————————

Domenica 26 settembre – Parco Regionale Sirente Velino

Hits: 21

torricellaL’ultimo duemila dell’anno: la Torricella m. 2071

Dal Valico della Chiesola di Lucoli (Campo Felice), immersi nei primissimi colori autunnali della faggeta, risaliremo la bella Valle del Morretano fino raggiungere la facile e panoramica cresta che culmina in vetta.

DISLIVELLO 550 metri DIFFICOLTA’ E DURATA 4/5 ore (soste escluse) LUNGHEZZA 13 Km. circa

  • PRIMO APPUNTAMENTO ORE 7.30 Capolinea M Rebibbia (davanti Bar Antico Casello)
  • SECONDO APPUNTAMENTO ORE 9.30 Parcheggio al Valico della Chiesola di Lucoli (slargo sulla destra poco prima del valico). Percorso stradale: A24 Roma L’Aquila – uscita Tornimparte – direzione Campo Felice parcheggiando 500 metri prima del Valico. ATTENZIONE: dall’uscita autostradale di Tornimparte fino al luogo di partenza dell’escursione non si incontrano bar, pertanto prima di raggiungere il secondo appuntamento, l’unica eventuale sosta possibile è in A24 presso l’Area di servizio di Carsoli (AQ).

Info e prenotazioni (anche su Whatsapp comunicando nome, cognome e numero di tessera Federtrek, luogo dell’appuntamento prescelto, disponibilità o meno di auto ed eventuale disponibilità alla condivisione del viaggio con ripartizione delle spese): AEV Mauro Calandrino 339 8681521 AEV Stefania Arcipreti 339 5960815

locandina con informazioni

Pubblicato il: 19 Set 2021 alle 19:31

Exp 26/09/2021 7:20pm
———————————————————————

Domenica 3 ottobre – Monti Prenestini

Hits: 16

ponte romanoMonumento Naturale Valle delle Cannucceta

Da Castel San Pietro Romano ci inoltreremo nella Valle delle Cannuceta, un percorso ad anello in un luogo incantato di rara bellezza, dichiarato Monumento Naturale. In una natura spettacolare, in un bosco da favola tra lo scorrere delle acque sentiremo scorrere anche la storia di questi luoghi che narrano l’origine dell’antica Praeneste, l’attuale Palestrina, dove ai tempi degli antichi romani si veniva per consultare uno degli oracoli più famosi di quel tempo presso il vicino tempio della Fortuna

DIFFICOLTA’: E, DISL: 400m, LUNGHEZZA: ca 10km

APPUNTAMENTO: ore 9,00 a CASTEL SAN PIETRO ROMANO (RM) davanti alla chiesa di Santa Maria in Montirolo, angolo SP58a – Via della Zingarella

INFO E PRENOTAZIONI prenotazione obbligatoria almeno tre giorni prima fornendo nome cognome e numero di tessera: AEV Rita Bucchi 3391074453 – AV Maria Asole 3294721065

locandina con informazioni

 

Exp 3/10/2021 7:03pm
———————————————————————

Domenica 10 ottobre – Giornata del Camminare 2021

Hits: 32

giornata camminare romaGiornata del Camminare
I Tesori della Periferia: da Porta Maggiore a Cinecittà est

Un evento in più tappe alla scoperta dei tesori della periferia est di Roma con l’obiettivo di concretizzare un Corridoio Naturalistico Archeologico dal centro della città alla periferia. A piedi e in bicicletta. Attraverseremo, in compagnia di naturalisti, archeologi e abitanti dei quartieri interessati: Porta Maggiore, Il Pigneto e il Mausoleo del Torrione, Il Parco delle Energie e il Lago Bullicante, Il Parco Pasolini all’ex Borghetto Prenestino, Il Parco di Villa Gordiani, Il Parco Villa De Sanctis e il Mausoleo di S. Elena, Il Parco di Centocelle, Il Pratone di Torre Spaccata, Il Parco dei Fauni, La Torre Spaccata, Il Boulevard di Cinecittà est, Villa Flaviana

L’evento è gratuito e aperto a tutti

Durata massima circa 5 ore, lunghezza massima circa 16/18 km, difficoltà T/E – Rientro dalla Metro Anagnina

Partenza alle 8,30 davanti al Mausoleo del Fornaio Eurisace a Porta Maggiore

ATTENZIONE: Si tratta di un trek urbano che comporta attraversamento di strade e semafori. E’ possibile staccarsi in ogni tappa e rientrare per proprio conto – avvisando gli Accompagnatori

La prenotazione è obbligatoria entro il venerdi 8 ottobre, specificando Cognome Nome e eventuale numero di tessera Federtrek (non è obbligatoria ma comunicare di averla ci evita di pagare a vuoto una assicurazione giornaliera)

Info e prenotazioni: AEV ANTONIO CITTI 331 5949343 WHATSAPP; AEV DAVIDE LONGO 339 6071533 WHATSAPP; AEV PAOLO IACARELLA 328 9247126 WHATSAPP

locandina con informazioni

Pubblicato il: 21 Set 2021 alle 19:27

Exp 10/10/2021 7:14pm
———————————————————————

I consigli di Trekking.it – Camminare nei boschi

Hits: 328

ragazza nel boscoGuida al trekking: Camminare nei boschi
(dalla rivista: Trekking&Outdoor)

La rivista Trekking&Outdoor è una delle collaborazioni pricipali della Federtrek. Tra le rubriche della rivista, i consigli.
Questa settimana parliamo di: Camminare nei boschi

Il primo e più importante consiglio per chi cammina nei boschi è quello indossare sempre scarpe alte, in grado di fasciare e proteggere la caviglia.
Anche su sentieri molto facili e ben tracciati le foglie che si depositano a terra, infatti, possono coprire le asperità del terreno rendendo infido l’appoggio del piede. Dato che, probabilmente, la maggior parte dell’itinerario che andrete a percorrere sarà su terra battuta e terreno morbido, o comunque reso più soffice dalla presenza del fogliame, non è indispensabile mettersi ai piedi dei pesanti “carri armati” da alta montagna con la suola rigida.

Le scarpe

Sul mercato oggi ci sono ottime pedule che uniscono la protezione della caviglia a ottime caratteristiche di leggerezza, comfort e morbidezza. Occhio però alla suola, che deve sempre essere di qualità per garantire una buona presa su terreni che saranno spesso umidi e scivolosi.
Sono preferibili le pedule a prova d’acqua e traspiranti.  Scegliere sempre con calma, farsi consigliare da personale esperto e provare varie scarpe con una calza da escursionismo fino a trovare quella che meglio si adatta al nostro piede con una calzata stabile e uniforme, ma senza costringere nessuna zona del piede. Battere la punta del piede sul pavimento e accentuare i movimenti sulle punte e i talloni. Le dita dei piedi non devono toccare l’interno della scarpa; è consentito un piccolo movimento della scarpa, ma non sfregamenti sulle zone delicate.

I Pantaloni

Altra attrezzatura consigliata è il pantalone lungo. Non tutti i boschi sono di faggi ad alto fusto, sotto ai quali sembra di camminare in un salotto zen minimalista. Alle quote più basse la vegetazione del sottobosco è spesso ottima e abbondante e, se il sentiero non è particolarmente marcato, è meglio avere un buon paio di pantaloni alle caviglie per evitare graffi e sfregi di vario genere.
Se poi il bosco con cui avete a che fare è quello intricato e scontroso della macchia mediterranea, magari oltre ai calzoni lunghi portatevi anche una felpa o una camicia robusta, saranno utili in presenza di rovi o rami spinosi che non sempre si possono evitare. La vegetazione alta, inoltre può ospitare abitanti non sempre piacevoli da incontrare, come le zecche e gli abiti lunghi, rappresentano una protezione in più anche da questi parassiti.

Il Bastone

Sempre per agevolare l’eventuale lotta con la vegetazione è importante dotarsi di bastone. Se avete con voi quelli da trekking bene, altrimenti nel bosco non dovrebbe essere difficile procurarsene uno. Attenzione ai rami che trovate a terra, quelli marci o secchi non sono un punto di appoggio molto sicuro…

Luce

La lampada frontale, che nello zaino non dovrebbe mai mancare, per chi cammina per boschi è ancora più utile, visto che sotto le chiome degli alberi il buio arriva prima che all’aperto e quando arriva è proprio buio buio!

Ultimo consiglio: tenete a portata di mano la macchina fotografica! I giochi di luci e ombre del bosco regalano scorci magici e, ovviamente non mancano gli incontri, spesso fugaci e inattesi con gli abitanti delle foreste. Anche nel mondo di quiete che sta sotto le fronde degli alberi è bene essere pronti a cogliere l’attimo!
Prima di fare la foto fermatevi, rimanete in silenzio e muovete lentamente le mani. Evitate sempre di avvicinarvi agli animali, se non li disturbate il loro comportamento sarà più naturale. Meglio rinunciare qualche volta alla foto, piuttosto che spaventare gli abitanti del bosco, noi siamo solo di passaggio

Buon Cammino!

l’articolo

la rivista

Articoli precedenti:

  • App per il trekking
  • Bivacco all’aperto
  • Escursionismo in sicurezza
  • Morso di vipera
  • 9 consigli per principianti
  • Bambini nella natura

I prossimi

      • Camminare sui terreni difficili
      • Trekking e preparazione fisica
      • Consigli per il trekking: 6 errori da evitare
      • Camminare senza lasciare tracce
      • Trekking con i cani
      • 7 consigli per il viaggiatore lento …
      • Camminare con la pioggia
      • In cammino: come preparare uno zaino leggero
      • ???
    Pubblicato il: 9 Lug 2021 alle 17:15
    Aggiornamento 21 Set 2021

Exp 15/10/2021 4:46pm
———————————————————————

Le Valli degli Acquedotti Romani

Hits: 63

ponte lupoIl grande evento di domenica 15 dicembre 2019

A conclusione della Giornata del Camminare Federtrek di ottobre 2019 a Poli, più volte si è espressa a volontà di organizzare un evento in autonomia per evidenziare al massimo la necessità urgente di tutelare l’Agro Romano Antico Tiburtino-Prenestino. La tenuta di Passerano sarebbe stato un luogo eccellente per il raduno dei gruppi giunti a piedi, in pullman o con le auto. La tenuta di Passerano si trova tra la via maremmana II e la via prenestina polense. Con circa 900 ettari è una azienda agricola di notevole pregio per il luogo dove si trova. Ricco di storia, e per la cura per gli allevamenti di bovini e per le culture di grande qualità.

E’ gestita dalla Regione Campania per via di un lascito testamentario del proprietario, che diventato cieco, nel 1970, in punto di morte donò il tutto all’ente dove era ricoverato. Disciolto l’ente, la Tenuta di Passerano divenne di proprietà della Ragione Campania che la gestisce con la società Sauie.

Si stabilisce un incontro con il direttore della Tenuta di Passerano che per l’evento mette a disposizione gratuitamente per l’evento il grande granaio della tenuta. Ringraziamo sentitamente il direttore e come piccolo segno di riconoscenza gli regaliamo la borsa della Giornata del Camminare.

L’evento del 15 dicembre 2019 si sviluppa in modo piuttosto complesso. Ma è stato un grande successo per l’impegno degli organizzatori, la comprensione dei partecipanti per i piccoli disguidi e soprattutto l’entusiasmo di tutti. Due pullman riempiti dai cittadini di Tivoli, Palestrina, San Gregorio da Sassola e Poli che hanno fatto delle passeggiate per conoscere meglio le meraviglie dei grandi Ponti degli Antichi Acquedotti Romani. Un pullman proveniente da Roma arrivato prima sulla Prenestina Polense nei pressi di Ponte Lupo ed infine molti altri partecipanti che per vari motivi non potevano usare i pullman.

Descriverò per esperienza diretta le attività del gruppo partito da Roma in pullman. Questo gruppo comprendeva anche persone con handicap fisico che, dopo la visita a Ponte Lupo, sono state accompagnate a Passerano. Abbiamo radunato faticosamente un gruppo di oltre un centinaio di partecipanti, che oltre ai passeggeri del pullman comprendeva anche chi era arrivato in auto, qualcuno in anticipo e i soliti ritardatari.

A pochi passi dalla Via Prenestina Polense, dopo una breve discesa, costeggiando una siepe, il mitico imponente Ponte Lupo, costruito in origine per portare a Roma l’ottima acqua dell’Acquedotto Marcio, acqua che proveniva dalle sorgenti dell’Aniene a circa 90 Km di distanza. Successivamente è stato utilizzato come strada e poi come diga. Questo ponte è una delle opere più imponenti degli acquedotti romani ed è stata riprodotta molti artisti, tanto da diventare una icona dell’Agro Romano Antico. Il proprietario del terreno, Urbano Barberini, ha gentilmente esposto con molti particolari la storia e soprattutto i rischi che questa grande opera cada in rovina e sia persa per sempre.

Pieni di meraviglia e contenti per aver conosciuto da vicino questa opera che non è facile poter visitare, ci incamminiamo con un fila un po’ dispersa, ma sempre sotto l’attento controllo degli accompagnatori. Attraversiamo luoghi molto suggestivi, fuori da sentieri o percorsi frequentati con lo spettacolo dell’ambiente naturale intatto. In alcune zone, vicino alle strade, purtroppo varie brutte discariche abusive. Gli organizzatori che hanno scelto e verificato questo percorso, lo hanno ripulito e liberato dai rovi, ma non hanno potuto rimuovere i rifiuti più ingombranti.

camminataQuesti sono i segni del rischio che corrono queste zone di alto pregio se non sono tutelate con norme che consentano il controllo e sanzioni adeguate verso chi non si cura dei danni che provoca all’ambiente. La nostra passeggiata continua, attraversando una piccola strada per entrare in una zona di campi coltivati. Camminiamo sui bordi dei campi e poche centinaia di metri più avanti, attraversiamo la Via Maremmana II, o Via di Tivoli per entrare nella Tenuta di Passerano.

Qui, all’ora dello spuntino, ci riuniamo con gli altri gruppi e ritroviamo tanti amici. Una bellissima sensazione, vedere tante persone insieme per una importante causa comune. Accompagnati da un esperto, abbiamo potuto conoscere i particolari della storia della Tenuta e del Castello con una breve visita guidata. Poco dopo ho avuto il piacere di conoscere e parlare con un pronipote di Ettore Roesler Franz che ci ha lasciato magnifici ritratti dei Ponti Romani.

passeranoA seguire, all’interno del grande locale della Tenuta uno spettacolo musicale con i Reu-matic ed una bella presentazione del nostro progetto sul mega-schermo. A conclusione della manifestazione, molti interventi tra i quali quello molto appassionato di Gigliola Cinquetti, di Urbano Barberini, del Direttore della Tenuta e di Paolo Proietti, fondatore del progetto.

In tutti gli interventi è emersa la necessità urgente di interventi sul Ponte S. Antonio a rischio immediato di crollo e di creare un’area di tutela in questa zona dell’Agro Romano Antico. Il progetto prende il nome di ALP (Alleanza Prenestina), include oltre a Sentiero Verde altre associazioni e Federtrek, Lega Ambiente di Tivoli, WWF, Italia Nostra con l’adesione di molti comuni della zona, tra i quali S. Gregorio da Sassola, Palestrina e Poli.

galleria fotografica

la borsa, gli acquedotti, la campagna e Poli

Fabio

Pubblicato il: 7 Set 2021 alle 18:50

Exp 30/09/2021 6:27pm
———————————————————————

I corsi di Sentiero Verde

Hits: 496

mini
Corso di Escursionismo e per diventare Accompagnatore 

Il Corso è riservato ai soci Federtrek con tessera valida

Puoi già chiedere informazioni o prenotare senza impegno

Cinque fine settimana full immersion per apprendere a organizzare in sicurezza escursioni e trekking, con la possibilità di partecipare all’esame per ottenere la qualifica nazionale di AEV (Accompagnatore Escursionistico Volontario) Federtrek.

  • 5 week end
  • i docenti sono Accompagnatori Escursionistici Volontari Federtrek con notevole esperienza o Professionisti specializzati
  • previste verifiche pratiche
  • test facoltativo a risposta multipla
  • a chi supera il test sarà rilasciato un Attestato valido per iscriversi al modulo conclusivo organizzato da FederTrek per diventare Accompagnatore Escursionistico Volontario (AEV)

informazioni

Pubblicato il: 19 Set 2016 alle 20:50
Aggiornamento: 10 Lug 2021

Exp 27/02/2027 7:44am
———————————————————————

Norme anti covid per i partecipanti alle escursioni

Hits: 1052

logo

Ti ricordiamo che se vuoi partecipare alle escursioni devi attenerti scrupolosamente alle seguenti regole di comportamento :

  • non essere stato affetto da COVID-19 o non essere stato sottoposto a periodo di quarantena obbligatoria di almeno 14 gg;
  • non essere affetto attualmente da patologia febbrile con temperatura superiore a 37,5° C;
  • non accusare al momento tosse insistente, difficoltà respiratoria, raffreddore, mal di gola, cefalea, forte astenia (stanchezza), diminuzione o perdita di olfatto/gusto, diarrea;
  • non aver avuto contatti stretti con persona affetta da COVID-19 nelle 48 ore precedenti la comparsa dei sintomi;
  • non aver avuto contatti stretti con una persona affetta da COVID-19 negli ultimi 14 giorni.
Pubblicato il: 3 Dic 2020 alle 18:14

Exp 10/12/2021 1:11am
———————————————————————